Prodotti cosmetici

Bandiera dell’UE e martelletto

Il regolamento UE sui prodotti cosmetici è stato adottato non soltanto per tutelare la salute dei consumatori, ma anche per sostenere l’innovazione europea e rafforzare la competitività del settore dei cosmetici a livello globale.

I fabbricanti e gli importatori dell’UE devono garantire la sicurezza dei loro prodotti, che si tratti di cosmetici o di qualsiasi altro prodotto di consumo. Tutti i prodotti cosmetici devono essere notificati attraverso il portale di notifica dei prodotti cosmetici (CPNP) prima di essere immessi sul mercato dell’UE. La presenza di un nanomateriale in un prodotto cosmetico deve essere dichiarata esplicitamente nella notifica alla Commissione europea.

La notifica deve contenere, quanto meno, le informazioni seguenti:

  • l’identificazione del nanomateriale, compresi la denominazione chimica e altri descrittori specificati nel regolamento;
  • la descrizione del nanomateriale, comprese la dimensione delle particelle e le proprietà fisiche e chimiche;
  • una stima della quantità di nanomateriale contenuto nei prodotti cosmetici che si prevede di immettere sul mercato per anno;
  • il profilo tossicologico del nanomateriale;
  • i dati sulla sicurezza del nanomateriale;
  • tutte le informazioni concernenti le condizioni di esposizione ragionevolmente prevedibili.

Inoltre, i prodotti cosmetici contenenti nanomateriali diversi dai coloranti, conservanti e filtri UV e non altrimenti sottoposti a restrizioni dal regolamento sui prodotti cosmetici sono soggetti ad una procedura aggiuntiva. Richiedono una notifica specifica attraverso il portale CPNP sei mesi prima dell’immissione sul mercato. Se la Commissione europea nutre timori sulla sicurezza di un nanomateriale, può chiedere al comitato scientifico della sicurezza dei consumatori (CSSC) di realizzare una valutazione dei rischi.

Alcuni gruppi di sostanze – coloranti, conservanti e filtri UV, comprese quelle che sono nanomateriali – devono essere autorizzati dalla Commissione europea prima di essere utilizzati nei prodotti cosmetici. L’autorizzazione è preceduta da un parere del CSSC che esamina i dati tossicologici presentati.

La Commissione europea è responsabile della pubblicazione di un catalogo di tutti i nanomateriali utilizzati nei prodotti cosmetici immessi sul mercato dell’UE. Il catalogo si basa sulle informazioni fornite dai fabbricanti attraverso il CPNP.

Se un prodotto contiene nanomateriali, tale circostanza deve essere indicata nell’elenco degli ingredienti segnalando la dicitura «nano» tra parentesi subito dopo la denominazione di tale sostanza.

Categories Display