Trattamento dell’acqua

La nanotecnologia può essere utilizzata per trattare e purificare l’acqua, ad esempio per la generazione di acqua potabile a partire dall’acqua marina, la prevenzione della contaminazione ambientale e la creazione di tecniche di risanamento per ridurre l’inquinamento dell’acqua e del suolo.

Sebbene le applicazioni di nanomateriali ingegnerizzati nel trattamento dell’acqua siano attualmente limitate soprattutto al loro uso come assorbenti, filtri, disinfettanti e agenti reattivi, esse aprono prospettive sempre più promettenti per il trattamento dell’acqua e il risanamento ambientale su vasta scala.

Un esempio del potenziale dei nanomateriali in questo campo è lo sviluppo di ferro zerovalente su nanoscala. Questo materiale può essere utilizzato per il trattamento delle acque sotterranee e dei rifiuti pericolosi. L’uso di nanomateriali ingegnerizzati per il risanamento ambientale è iniziato quando i ricercatori hanno scoperto che una piccola quantità di particelle di ferro di nano-dimensioni può rimuovere contaminanti dalle acque sotterranee, fra cui i policlorobifenili (PCB), di cui sono note la tossicità sia per l’uomo sia per l’ambiente e la probabilità di provocare il cancro. Si è scoperto che le nanoparticelle di ferro, come ferro zerovalente su nanoscala, sono efficaci nel trattamento di una serie di inquinanti idrici, fra cui pesticidi, ritardanti di fiamma, antibiotici, cromo, arsenico e metalli pesanti.

Un nanomateriale come il ferro zerovalente su nanoscala presenta molte proprietà che lo rendono un assorbente ideale dei metalli pesanti nell’acqua contaminata, fra cui:

  • superficie relativamente ampia e piccole dimensioni;
  • elevata reattività;
  • capacità di isolare metalli pesanti;
  • capacità di agire rapidamente;
  • buona capacità di legarsi ai metalli; e
  • caratteristiche strutturali che consentono la rigenerazione e il riutilizzo del nanomateriale.
     

Esempio: rimozione dell’arsenico dall’acqua

L’arsenico è un sedimento tossico che è stato collegato ad una serie di tumori e ad altri problemi di salute. La contaminazione con arsenico delle acque sotterranee avviene in modo naturale ed è stata segnalata in molti paesi, fra cui Argentina, Bangladesh, Cile, Cina, India, Taiwan e Thailandia, così come in alcuni paesi dell’UE e negli Stati Uniti. L’arsenico può entrare nelle acque sotterranee in diversi modi, ad esempio attraverso depositi naturali, l’estrazione mineraria, l’agricoltura o le attività industriali.

La rimozione dall’acqua dell’arsenico e di altri contaminanti simili ha ricevuto particolare attenzione da parte della comunità scientifica. Negli ultimi anni, l’impiego di nanoassorbenti per rimuovere l’arsenico dalle acque sotterranee contaminate ha prodotto risultati molto promettenti.

Categories Display